logo ANCI Lombardia
logo Regione Lombardia
Notizie

02|03

2020

di Maurizio Piazza

Comuni Digitali

Gruppo di lavoro Comuni Digitali sul Cloud della PA: resoconto attività

Immagine della notizia

Un breve resoconto dei primi mesi di attività del gruppo di lavoro sul tema cloud della PA e migrazione dei data center.


In questi ultimi mesi il tema della migrazione in cloud dei data center dei Comuni è cresciuto nell’interesse anche per l’allargamento dei servizi disponibili sul Marketplace per il Cloud della PA.

Fra gli addetti ai lavori si ha l’impressione che la possibilità di migrare la propria infrastruttura IT, tutta o in parte, verso il Cloud diventi sempre più una concreta possibilità. Inoltre si comincia a riflettere su come ci si deve organizzare e riorganizzare le soluzioni applicative in uso per predisporsi a questo passaggio in maniera “favorevole” per beneficiare dei servizi offerti dal cloud (IaaS, PaaS, SaaS).

Il Cloud Enablement Kit messo a disposizione dal (ex) Team Digitale e da AGID fornisce una metodologia ed un utile supporto e chi lo ha utilizzato lo può testimoniare. D’altro canto questo processo di analisi del proprio stato di fatto in ottica di migrazione “infrastrutturale” fa emergere criticità e problematiche, operative, tecniche e funzionali, ma anche economiche, nel senso di un’incertezza sui costi previsti che saranno sicuramente in aumento, almeno in una prima fase.

Tutto ciò ha portato all’esigenza, inizialmente manifestata dai colleghi di Valle Sabbia che stanno affrontando concretamente la questione per il loro data center, e condivisa da molti altri di approfondire assieme le problematiche e le soluzioni. Questo ha portato negli ultimi mesi del 2019 all’avvio di un gruppo di lavoro “ristretto” sul tema Cloud della PA con specifica declinazione per le esigenze dei Comuni.

Oltre ad alcuni Comuni (Cremona, Cantù, Monza, Pavia, Varese e più recentemente Brescia) e realtà associate (Valle Sabbia e Comuni del cremasco) tramite le proprie società di scopo (Secoval e Consorzio IT), al tavolo partecipa stabilmente ARIA S.P.A., società di Regione Lombardia, presente sul Marketplace del Cloud della PA con propri servizi IaaS/PasS rivolti ai Comuni (lombardi in primis).

Tale gruppo si è già riunito (in videoconferenza) più volte a partire da ottobre 2019 anche con la partecipazione di “invitati” (esponenti del Team Digitale ed esperti del settore) per raccogliere e condividere esperienze e possibili soluzioni per rispondere alle criticità riscontrate. Soluzioni spesso orientate alla migrazione IaaS/PaaS che, se da un lato viene rilevato come uno dei percorsi più “praticabili” per rispondere alle realtà locali ed ai casi fin qui discussi, dall’altro fa emergere proprio quella complessità infrastrutturale e/o l’inadeguatezza applicativa di molte realtà locali.

Recentemente il gruppo di lavoro, ha potuto beneficiare dell’apporto di ARIA S.P.A., forte delle esperienze di migrazione sperimentate presso gli Enti del Sistema Sanitario Regionale.

L’altro filone che si sta provando a sviluppare è una visione, complementare a quella infrastrutturale, di migrazione in Cloud dei “servizi”, intesi come il supporto applicativo per l’operatività degli uffici e dei servizi comunali. Quindi un percorso orientato a riorganizzarsi verso l’utilizzo di soluzioni cloud SaaS.

Questo è un orientamento auspicato dalle direttive strategiche per il Cloud della PA e che vede sicuramente più avvantaggiate le realtà che utilizzano suite applicative, in particolare quelle con prevalenza mono fornitore.

Una strategia che richiede invece un percorso di riorganizzazione molto importante nelle realtà più articolate e complesse, sia per le loro dimensioni (i grandi Comuni ne sono un esempio) sia per la frammentazione e la stratificazione tecnologica e funzionale delle soluzioni applicative in uso.

Quest’ultima in particolare apre ad una serie di riflessioni sull’informatizzazione dei servizi deli Enti Locali che è sempre più necessario affrontare assieme, anche per arrivare a forme di “standardizzazione” delle soluzioni praticabili. E questo anche con l’obiettivo di uno sviluppo del sistema informativo della PA Locale che vada oltre le singole eccellenze e diventi sempre più di sistema, partendo dalle realtà territoriali che devono sempre più operare assieme.

Non sono presenti aree di interesse

Commenti

Nessun commento

Non c'è ancora nessun commento

Lascia un commento

Occorre effettuare il login per inviare un commento

In collaborazione con

Affari Regionali Lombardia Informatica